• 56029 Santa Croce sull'Arno (PI)

  • +39 347 484 2383

Tutorial sulla correzione occhi (parte 2 di 7): LA CORREZIONE DEGLI OCCHI

1024 490 Anna Dotti

Tutti noi utilizziamo il trucco per correggere qualche difetto…. con l’aiuto della commessa in profumeria , scegliamo un fondotinta più o meno adatto al nostro incarnato, usiamo matita e mascara, gli ombretti vanno a chi ha la mano più esperta e coraggiosa, infine mettiamo il rossetto o il lucido per risaltare le nostre labbra.

Bene … sicuramente carine ed in ordine per affrontare la nostra giornata.

Ma se vogliamo dare un tocco in più, ed usare una maggiore cura per i dettagli del nostro viso, dobbiamo imparare alcuni piccoli segreti che ci possono regalare un’immagine da subito più interessante e luminosa.

A questo punto entra in azione il trucco correttivo!!!

Impara a conoscere i segni particolari del tuo volto e dove e come intervenire per esaltarli o correggerli.

Per una giornata particolare, che sia una cerimonia o colloquio di lavoro, se ti fa piacere potrò aiutarti io, truccandoti considerando i tratti del tuo viso, la tua personalità, il tuo stile, il tuo modo di vestire, gli accessori che più ami.

Posso esserti utile con un incontro personalizzato così da farti notare e suggerirti quei piccoli segreti, che ti permettano di muoverti poi da sola ed essere a posto in ogni occasione… e potrai anche ricevere la guida creata esclusivamente per te.

Con l’aiuto delle regole base della correzione degli occhi riuscirò a correggere e rendere il tuo trucco sicuramente più armonioso.

(Usa il modulo “contatti” per le tue domande o curiosità)

Ricordati sempre  di mantenere una mano leggera che rispetta la naturalità dell’effetto, ma prima di tutto devi conoscere il tuo occhio e a quale categoria si riferisce.

Il colore non è l’unica caratteristica che rende diversi gli occhi: esistono anche tante forme differenti di questo elemento che rendono lo sguardo assolutamente unico. In base alla specifica forma si devono truccare gli occhi in modi differenti, così da mettere in risalto i punti di forza e correggere le piccole imperfezioni. Oggi scopriamo come determinare la forma degli occhi, distinguendo le categorie principali in 5 gruppi.

Posizionati davanti ad uno specchio, in una stanza ben illuminata;  fai in modo che entrambi gli occhi siano visibili nello specchio. Solo uno non sarebbe sufficiente per determinare la posizione e la sua forma

Occhio normale

Se tenendo l’occhio normalmente aperto non si scorge del bianco al di sotto dell’iride, ossia la parte colorata, e la piega della palpebra è visibile, la forma del tuo occhio è quella classificata come “normale”. E’ la forma classica, quella ideale, proporzionata e simmetrica: infatti, non avendo la necessità di nascondere particolari imperfezioni, puoi sbizzarrirti con i make-up che preferisci.

Occhio tondo

Se, al contrario, si vede del bianco al di sotto dell’iride, il tuo occhio è definito come “tondo”: aperto e grande, il classico occhio da cerbiatto. Molte celebrità fanno dei propri occhi tondi il focus principale del viso, valorizzando ancora di più lo sguardo con il make-up.

Occhio incappucciato

Se invece, guardandoti frontalmente allo specchio la palpebra mobile è poco o per niente visibile, il tuo occhio è chiamato “incappucciato”: le palpebre fisse sono abbastanza grandi da ricadere sugli occhi che sembrano troppo piccoli di fronte ad una palpebra troppo presente.

Occhio all’insù

Immagina una linea orizzontale che attraversa il tuo occhio dividendolo a metà, se la parte finale si trova al di sopra dell’angolo interno la forma dell’occhio è “all’insù”: in questo caso godrai di un naturale sguardo da gatto, sensuale e sorridente.

Occhio all’ingiù (cadente)

Al contrario, se la parte finale dell’occhio si trova al di sotto dell’angolo interno, la forma è “all’ingiù”: lo sguardo tipico è quell’espressione un pò triste, proprio perchè l’ occhio tende a scendere verso il basso dando un effetto un pochino malinconico.

Occhio vicino

Per determinare la posizione degli occhi possiamo aiutarci con un pennellino del trucco e posizionarlo toccando l’ala del naso lateralmente.

Se  la parte iniziale si trova in corrispondenza di questa retta l’occhio, sarà a distanza regolare.

Se invece vediamo che l’inizio dell’occhio si trova più internamente nella zona del naso vuol dire che avremo un occhio ravvicinato.

Occhio distanziato

Al contrario, se la parte iniziale dell’occhio si trova leggermente più distante della retta vuol dire che avremo un occhio distanziato

Iniziamo dunque a vedere come truccare un occhio cadente. Vai all’articolo.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.